Geotermia a bassa Entalpia – Il futuro della climatizzazione

La Geotermia a bassa entalpia è una fonte energetica rinnovabile generata dallo sfruttamento della temperatura degli strati più superficiali del sottosuolo, e utilizzata con ottimi risultati per climatizzare gli edifici nella stagione invernale ed estiva.

Studio di architettura Fiorentiniassociati

Andrea Fiorentini Architetto

La temperatura del suolo nei primi strati del terreno è generalmente intorno ai 12-13 gradi di temperatura e sempre costante durante l’anno, mediante l’installazione di sistemi impiantistici come “sonde geotermiche” o “pozzi”, unitamente a macchinari elettrici denominati “pompe di calore”, si riesce a climatizzare gli ambienti nelle stagioni invernali ed estive con notevoli risparmi economici anche del 50%, se confrontati con i sistemi tradizionali costituiti da caldaie a combustione fossile.

I sistemi più utilizzati nel territorio della pianura padana che dispone di una falda acquifera  tra le più grandi al mondo, è costituito dai sistemi a “sonde geotermiche” o a “pozzi di presa” dell’acqua di falda.

 

I primi denominati sistemi “chiusi” sono composti da tubazioni di diametro piuttosto contenuto inserite nel terreno a profondità variabili a seconda delle caratteristiche geologiche del sito, al cui interno circola del fluido che scambia il calore con il terreno e lo trasferisce agli impianti a pompa di calore dell’immobile.

I secondi denominati “aperti” sono costituiti da pozzi di presa di acqua di falda a profondità e diametri variabili a seconda delle caratteristiche geologiche del sito, acqua che viene utilizzata termicamente dagli impianti a pompa di calore per poi essere restituita generalmente in falda mediante pozzi di resa, a volte se consentito anche direttamente in fognatura o in canali superficiali.

Trattasi di sistemi piuttosto sofisticati che per il costo di realizzazione sono generalmente indicati per edifici plurifamiliari o comunque per edifici di grandi dimensioni, che consentono tempi di ritorno economico  più contenuti dell’investimento, ma sono comunque consigliati anche per edifici più monofamiliari.

I vantaggi della geotermia sono decisamente vincenti se si tengono in considerazione tutti gli aspetti, sul piano ambientale per la mancanza totale di emissioni locali in atmosfera, la rinnovabilità della fonte energetica, assenza di volumi tecnici in copertura spesso antiestetici,  e soprattutto in un paese come il nostro costretto ad importare notevoli quantità di energia, la geotermia potrebbe essere la soluzione per il futuro, almeno in campo edilizio.

No Comments

Sorry, the comment form is closed at this time.